IL PROGETTO

Il progetto Theatro del GustoEnoteca Differente nasce in Calabria nel Maggio del 2013 da un idea del Sommelier Professionista A.I.S. Michele Ruperto che vanta una esperienza decennale in svariate sale stellate italiane ed estere. Il progetto si è affermato in pochi anni come uno dei punti di riferimento più importanti (sul territorio e nel web) della vera eccellenza eno-gastronomica Calabrese: la vetrina dei piccoli contadini calabresi capaci di produrre grandi eccellenze che riescono a mettere d’accordo tutti.

L’obbiettivo più grande, per quanto difficile, è quello di proporre la migliore enologia Calabrese, ovviamente secondo il mio gusto, per provare almeno una volta a stupire, dando prova che finalmente oggi con lo sforzo di molti, siamo degni eredi di coloro che battezzarono “Enotria” la nostra terra, cioè i Greci, straordinario popolo che già nel 320 a.C. produceva in Calabria l’antenato dell’attuale vino, il krimisa. Sono oltre 50 le cantine calabresi selezionate e oltre 290 le etichette descritte e proposte.

Theatro del Gusto è quindi un luogo dedicato a chi crede che il cibo sia un patrimonio culturale da ricevere, proteggere e riconsegnare, dove l’amore per il vino incontra la passione enogastronomica, dove dietro i sapori e gli odori si nasconde la condivisione di valori, di storie, di racconti che svelano i segreti più profondi di quel legame che unisce l’anima con la terra.
La missione è promuovere il “Gusto” quello vero e sotto ogni forma, sapori antichi, dimenticati, a volte sconosciuti, dando spazio non solo alla Calabria ma anche alle meraviglie prodotte nel resto del mondo: oltre a vino e distillati di varie provenienze infatti, potete trovare prodotti come the e infusi, sale pepe e spezie dal mondo, birra artigianale, cioccolato, confetti, prodotti tipici, pasta, riso, farine, leccornie di ogni genere e molto molto molto altro ancora.

Valori e Passione Questa per me è la vera effigie del giusto connubio di ``valori e passioni`` da far conoscere ed amare.

IL MAGICO MONDO DEL VINO

Fu durante i miei viaggi che, mentre mi dedicavo ad affiancare straordinari uomini della ristorazione, mi imbattei nel magico mondo del vino, sulla infinita strada dell’arte del bere. Così il vino divenne per me uno stile di vita, una passione da coltivare e tramandare, inseparabile compagno di viaggio, motivo di crescita e di nuovi studi. Se lo si ascolta con pazienza,… poi, esso sa anche insegnarci come rieducare i nostri magici sensi del Gusto e dell’ Olfatto.
Ecco perché amo definirmi un “allievo del vino” e non maestro, mi piace pensare di poter restare per sempre suo allievo, affinché possa restare affacciato alle cose nuove, a tutto ciò che non conosco e che potrebbe piacermi; infatti, come un vero allievo, non smetto mai di essere curioso, di chiedermi il “perché” delle cose. Sono convinto che la curiosità è la chiave delle nostre conoscenze nel campo del lavoro, e non solo.
Dopo anni di esperienza è maturata in me la decisione di realizzare una enoteca secondo il mio punto di vista, semplice, dove il bello non subordina mai il buono, e ad essere protagonisti siano il gusto e il vino.
Una forte passione, un’adeguata professionalità, una folle curiosità e lo studio continuo sono alla base del mio modo di operare e di scegliere i prodotti. Un’ accurata ricerca, uno stretto legame con il territorio e, infine, una personale verifica e test su ogni prodotto proposto mi permettono di offrire e garantire la massima qualità alla preziosa Clientela di Theatro del Gusto, cercando di selezionare i migliori risultati della terra e della sapiente e indispensabile mano dell’uomo.
Questo perché viviamo in un’ epoca dove prevale l’omologazione un po’ in tutti i settori della nostra società, e il prodotto vino spesso non sfugge a questa logica. Ecco il motivo per il quale cerco umilmente di oppormi a tutto questo, favorendo il più possibile quei produttori che fanno dei propri vini la vera espressione del territorio, con tecniche e tradizioni tramandate nei secoli!

Espressione del Territorio Tecniche e tradizioni tramandate nei secoli!

LE MERAVIGLIE E LE PASSIONI OLTRE IL VINO

La birra artigianale, i distillati, l’aceto balsamico tradizionale di Modena e Reggio Emilia, gli aceti di frutta, l’olio di oliva di Calabria, la pasta, il riso, il parmigiano reggiano, il caciocavallo della Sila e di Ciminà, i pecorni di Crotone, di Ciminà e del Monte Poro, i salumi di maiale nero e dell’area Grecanica, moltissime varietà di sale e pepe da tutto il mondo, le spezie, il thè e gli infusi, i confetti artigianali, il cioccolato di Modica, i fichi, biscotti, conserve sott’olio…
Ecco alcune delle meraviglie disponibili presso l’enoteca; meraviglie che nel corso della vita hanno saputo conquistare e saziarmi l’anima, capolavori dell’uomo che si sono trasformati per me in fortissime passioni da coltivare ed approfondire con studi e viaggi nel luogo di produzione, e condividere con gli altri. A confermare in me e rafforzare la voglia d’impegnarmi in questa direzione sta la convinzione che una passione viene trasmessa non solo con la voce ma anche con il cuore, e permette di lavorare con amore ed entusiasmo, curare il dettaglio, con uno spirito e stimoli sempre vivi ed accesi, tali che tengano sempre viva la tensione verso traguardi sempre più alti, sempre più attraenti, capaci di promuovere un costante e mai soddisfatto processo di perfezionamento. Sono convinto, infatti, che non può esistere una passione completamente soddisfatta; se così fosse, essa diventerebbe noiosa tanto da allentare quella voglia di miglioramento e rallentare il senso del tempo.
Penso che mai cesserà in me la passione per la Calabria e il Vino, perché la Calabria è la mia Terra e rappresenta le mie radici, quello che io sono; il Vino, invece, è semplicemente il mondo in cui vivo.

Dedicato a chi fa del gusto uno stile di vita. Michele Ruperto